L'associazione Archivi Guttuso, nata per promuovere la conoscenza dell'opera di Guttuso e la sua catalogazione, ha sede nello studio del pittore a Palazzo del Grillo a Roma ed è l'istituzione che ha la rappresentanza legale dell'artista, per la difesa dell'opera e della memoria. L'esigenza, sempre più pressante dopo la morte dell'artista, di fornire agli studiosi e al mercato la possibilità di verificare l'autenticità delle opere di Guttuso ha spinto gli Archivi Guttuso ad impegnarsi attivamente in questo campo nonché nell'archiviazione del materiale prodotto dall'artista: quadri, disegni, grafica, ma anche scritti, materiale fotografico e documenti.

La costante attività di archiviazione ha prodotto, oltre ad una sensibile diminuzione della falsificazione delle opere di Guttuso, la pubblicazione di importanti volumi che raccolgono le opere e le testimonianze dell'artista scomparso. Tra queste il IV volume del Catalogo Generale dei dipinti, realizzato in collaborazione con Enrico Crispolti, quello che raccoglie le opere realizzate per le scenografie musicali, i cataloghi delle più importanti mostre in collaborazione con i musei italiani ed esteri fino all'ultimo volume realizzato per la casa editrice Rizzoli.